Miele e Veleno. La musica di Lighea contro la violenza

“Non raccolgo l’errore di parole di miele,

è una rosa di spine, lacrime e malumore,

dentro al silenzio che parla di un amore,

miele e veleno,

di carezze e violenza

come foglia che non danza”

Sono queste alcune delle parole contenute all’interno della nuova canzone di Lighea, cantautrice fermana che con questo brano si è resa testimonial del percorso attivato dalla Provincia di Fermo per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema. “Sono onorata di dare il mio contributo ad un problema di questo tipo” – ha dichiarato l’artista. Credo che sia dovere di ogni essere umano fare qualcosa per la comunità ed è questo un compito che voglio portare avanti non solo con questa canzone, ma anche come impegno futuro”. La canzone affronta il problema dell’ incoscienza e della mancanza di consapevolezza di chi riceve violenza e “spero – continua Lighea – di poter con la musica raggiungere quelle fasce che spesso la politica e i quotidiani non toccano”.

Riproduzione Riservata