Sanità periodico di informazione

Nosocomio di Amandola: Licio Livini direttore Area Vasta: “I livelli di assistenza socio sanitaria sono garanti e al servizio della comunità”

AMANDOLA“Ad esclusione della Medicina Interna, dislocata a Fermo, ad Amandola sono attivi tutti i servizi”. Questo quanto afferma Licio Livini direttore generale dell’Area Vasta4 in merito alla vicenda post sisma  del nosocomio amandolese che ha creato un mare di polemiche sul ripristino della struttura.  Continua …

pubblicato in Cronaca, Sanità - in data 9 maggio 2018  

Ospedale “Murri”: carenza di personale medico in molti reparti. Allarme della Cimo, il sindacato dell’Area Vasta 4 dei medici ospedalieri “la situazione è critica in quasi tutti i reparti. Rischio di una conseguente precarietà dell’assistenza”.

FERMO – “Manca il personale medico all’ospedale ‘Augusto Murri’ di Fermo, ovvero il nosocomio di rete e ciò può nuocere ai servizi erogati e determinare una conseguente precarietà dei servizi”.  Codice rosso questa volta per la struttura di via Murri dove diversi professionisti sono e stanno andando in pensione, altri scelgono di lavorare in  molti plessi ospedalieri nella Regione, altri ancora si muovono all’interno dei reparti dello stesso “Murri” . A lanciare l’allarme di una situazione precaria e che sta incancrenendo e preoccupando molti è la Cimo, il sindacato dei medici ospedalieri dell’Area Vasta 4. A soffrire di più per  quanto sta accadendo, secondo la Cimo,  sono i reparti di Pediatria, il Pronto Soccorso, la Medicina Generale in alcune sue articolazioni, la Cardiologia e la Chirurgia.

Continua …

pubblicato in Cronaca, Sanità - in data 9 maggio 2018  

Oncologia, Ortopedia e Psichiatria: tre nuovi primari per il Fermano. Tra loro anche una donna

FERMO – Verranno presentati ufficialmente tra una settimana i nuovi primari di tre importanti settori sanitari dell’Area Vasta4 del Fermano. Si attende,infatti, l’ufficializzazione della nomina da parte del direttore di Area Vasta4, Licio Livini ma i tre nomi già corrono nel mondo sanitario locale  come designati a ricoprire il ruolo di primari .  Sono due uomini ed una donna e saranno  i primi tre  che per titoli e quant’altro andranno  a gestire le unità ospedaliere di Oncologia, Ortopedia e Psichiatria. I neo primari  sono il dottor Renato Bisonni, 55 anni tolentinate di origine ma sangiorgese di adozione, città in cui da anni è un esponente politico di rilievo e che sarà a capo dell’Oncologia, Il dottor Federico Lamponi, 47 anni proviene da Rimini dove ha gestito l’Unità di Ortopedia e Traumatologia  e che guiderà Ortopedia. Infine si tinge di rosa la divisione di Psichiatria che sarà gestita dalla  dottoressa fermana Mara Palmieri, 57 anni,  finora in servizio presso il locale Dipartimento di Salute Mentale . Continua …

pubblicato in Cronaca, Sanità - in data 3 maggio 2018  

Potenziata la dotazione dei posti letto della rete ospedaliera marchigiana. Cesetti: “A Fermo se ne aggiungo 30 per acuti”

FERMO – “Aumentano i posti letto ospedalieri sul territorio regionale, in Area Vasta 4 di Fermo se ne aggiungo 30. Un altro risultato raggiunto da questa amministrazione impegnata a  garantire la migliore efficienza ed efficacia dei servizi socio sanitari e rispondere al bisogno di salute dei cittadini mediante l’utilizzo ottimale della rete ospedaliera”. lo comunica l’assessore Fabrizio Cesetti rendendo conto di quanto stabilito dalla Giunta regionale che, riunita questa mattina, ha trasmesso all’Assemblea legislativa lo schema di deliberazione che potenzia la dotazione dei posti letto della rete ospedaliera marchigiana di 140 posti in più per acuti e post acuti. Continua …

pubblicato in Cronaca, Sanità - in data 28 novembre 2017  

“Servono, specifi fondi strutturali per non mettere in pericolo i posti di lavoro dei ricercatori precari nonché l’attività degli Istituti di Ricerca Scientifica”. Jessica Marcozzi di Forza Italia presenta una mozione.

ANCONA – Il capogruppo regionale di FI, Jessica Marcozzi, ha presentato una mozione per promuovere azioni tese alla tutela dei ricercatori e del precariato negli Istituti di Ricerca Scientifica, a partire dall’Inrca. “Il Testo Unico sul Pubblico Impiego, invece di migliorare – afferma Marcozzi –  aggrava le condizioni lavorative dei precari nel ramo della ricerca, a partire dall’Inrca. Una situazione dinanzi alla quale non si può tacere. Per questo motivo, con mozione, ho chiesto all’amministrazione e all’assemblea regionali un impegno concreto e azioni mirate a ribaltare in positivo una situazione drammatica causata dal Governo”. Continua …

pubblicato in Cronaca, Sanità - in data 31 agosto 2017  

Persone in condizione di disabilità gravissima: dalla Regione per il 2017 oltre sei milioni di euro. Ceriscioli: “Impegno rispettato”

ANCONA – La Giunta regionale, nel corso dell’ultima seduta, ha trasmesso al Cal i criteri attuativi degli interventi a favore delle disabilità gravissime per il 2017. Lo stanziamento per l’avvio dell’ intervento ammonta per ora  a 2.796.000 euro a cui verrà aggiunta la quota che sarà trasferita in autunno dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per il Fondo Nazionale non Autosufficienze 2017 con la quale si raggiungerà l’importo già garantito nell’anno 2016 di circa quattro milioni di euro. Continua …

pubblicato in Cronaca, Sanità - in data 12 agosto 2017  

Area Vasta 4: soppressione della Unità Operativa Complessa Supporto all’Area Contabilità Bilancio e Finanza. Preoccupazione della CislFp che chiede la revoca del provvedimento

FERMO – “Abbiamo  preso atto con estrema preoccupazione ed anche sconcerto, che con determina della Direzione Generale ASUR n. 361 del 23.06.2017 è stata sancita la cancellazione dell’unità Operativa Complessa del Bilancio in Area Vasta 4”. Così’ Giuseppe Donati della Cisl Fp sul fatto che sta facendo discutere in queste ore il territorio: “Abbiamo atteso un minimo di tempo – prosegue Donati nella lettera inviata ai dirigenti Asur prima di intervenire presso le SS.,VV. e dare informazione alla stampa, perchè in un primo tempo si era prospettata l’eventualità di un refuso di chi aveva predisposto l’atto determinativo per altro non attinente minimamente all’Area ATL”. Continua …

pubblicato in Cronaca, Sanità - in data 17 luglio 2017