6 agosto 2018

Maratona: lo sport perde uno dei suoi protagonisti. Morto Mario Ferracuti campione della sua categoria

pubblicato in In Evidenza, Sport |

FERMO ci ha lasciato per sempre “il postino volante” protagonista per tanti anni di emozionanti maratone in giro per il mondo. Mario Ferracuti 92 anni ha smesso di vivere stanotte all’ospedale Murri di Fermo circondato dall’affetto dei suoi cari. Rimarrà per sempre nei ricordi di coloro che lo videro cimentarsi in uno dei suoi primirecord su una pista ascolana e la sua grande soddisfazione per averlo raggiunto.

Alla notizia della scomparsa di Mario Ferracuti, sono arrivate le parole di cordoglio del Sindaco Paolo Calcinaro e dell’assessore allo sport Alberto Scarfini.  “Una colonna dello sport cittadino – lo ha definito il Sindaco Calcinaro. Rimane, oltre la tristezza, un senso di orgoglio per averlo conosciuto e per aver omaggiato la sua carriera da decano podista e…donatore di vita”.

Mario Ferracuti era definito “il Leone delle Marche” per le sue numerose partecipazioni a gare podistiche e competizioni sportive, con tantissimi premi vinti, tanti piazzamenti conquistati, onorificenze e riconoscimenti.

“Un atleta con migliaia di chilometri alle spalle che ha dimostrato la bellezza e la forza dello sport, con la tenacia e la determinazione di podista che non si è mai arreso di fronte a nulla. Grazie Mario per quanto hai fatto e per il tuo esempio di vita” – ha detto l’assessore Scarfini. Un ambasciatore di Fermo e della fermanità e modello di passione e amore incondizionato per lo sport e per il podismo: un messaggio positivo per tutti che Mario ha saputo trasmettere tanto che ad ogni gara o manifestazione cui partecipava non mancava di far conoscere la sua città. Anni dedicati allo sport che aveva accuratamente testimoniato, conservando numerosi articoli di giornali, fotografie o scrivendo libri. Nel 2016, in occasione dei suoi 90 anni, era stato ricevuto dal Sindaco Calcinaro che lo aveva omaggiato di una targa con la dedica “al cav. Mario Ferracuti, Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana, in occasione del suo 90° compleanno, per una vita esemplare dedicata allo sport”. Nel 2017 era stato premiato alla Rollina del Teatro dell’Aquila fra gli sportivi dell’anno in occasione dell’iniziativa “Buon Campionato”.

Riproduzione Riservata