19 luglio 2018

Il presidente Ceriscioli all’inaugurazione della nuova sede di Confcommercio di Fermo – Porto San Giorgio: “Vincere la sfida del terremoto, sostenere i corpi intermedi, cogliere i frutti della banda ultra larga”

pubblicato in Senza categoria |

FERMO -Il presidente della regione Marche, Luca Ceriscioli, ha partecipato all’inaugurazione della nuova sede di Fermo – Porto San Giorgio di Confcommercio Marche.  Alla cerimonia è intervenuto il presidente nazionale di Confcommercio Carlo Sangalli, insieme ad autorità locali e ai vertici regionali dell’associazione. Tra le questioni affrontare, quella della ricostruzione e del rilancio economico dei territori colpiti dal terremoto. “La Provincia di Fermo è tra le più colpite dal sisma – ha detto il presidente Ceriscioli – Per la Regione, quella del terremoto, è la sfida più importante, vogliamo vincerla per ripartire e rilanciare queste realtà dopo un evento così tragico e ancora disconosciuto. La nostra è la regione più duramente colpita tra quelle che devono rinascere”. Il presidente ha poi ricordato che “in questi mesi abbiamo restituito, attraverso strutture provvisorie, a tante piccole attività commerciali, uno spazio per lavorare. Ho davanti agli occhi la figura di giovani imprenditori che hanno ricreato il loro piccolo locale dentro una struttura provvisoria. Vedo negli occhi di queste persone la scommessa di ricominciare: sono per me uno degli esempi più belli della voglia e della determinazione a ripartire. Siano stati loro vicini e continueremo a esserlo”. Ceriscioli ha ricordato che la Regione “ha investito quasi due milioni di euro in comunicazione in questi due anni. Una campagna martellante, a livello nazionale, proprio perché volevamo recuperare quel numero di presenze essenziale anche per il sistema del commercio, oltre che turistico. Anno scorso la sfida è stata vinta grazie anche al meteo favorevole. Continueremo a portare il nostro contributo a chi ogni giorno, alzando la saracinesca, scommette su se stesso, sulla propria professionalità, sul proprio lavoro”. Ceriscioli ha quindi ribadito come la Regione creda “molto nel valore della forza dei corpi intermedi, della associazioni di categoria. Il mondo è sempre più complicato, c’è bisogno di chi organizzi risposte, coordini servizi, dia supporto a chi rischia tutti i giorni in proprio. Il nostro contributo al sostegno di questi operatori viene portato avanti anche con il percorso della banda ultra larga. Le Marche hanno perso il treno della banda larga. Sul treno della urta larga ci siamo invece sopra e siamo ben piazzati. A breve avremo il primo comune della provincia di Fermo dove si posizioneranno i cavi della fibra ottica, mentre il 99% del territorio regionale verrà raggiunto da questo importante supporto tecnologico, per cogliere i frutti e non divenire vittime del cambiamento”.

 

Riproduzione Riservata