7 aprile 2018

Terminato il percorso riorganizzativo delle manifestazioni storiche della “Contesa del Secchio”

pubblicato in Cronaca, Cultura |

sant'elpidio a mareSANT’ELPIDIO A MARE – “Si è concluso positivamente il percorso per la riorganizzazione delle Manifestazioni Storiche della Contesa del Secchio che ha portato all’integrazione, di fatto, della Contrada San Martino nell’organizzazione generale della Contesa del Secchio. Un risultato, questo, atteso da tempo ed attorno al quale in molti hanno lavorato”. Da queste parole emerge tutta la sodisfazione dell’amministrazione comunale per il lavoro sinergico  svolto  finora sull’argomento.

“Questo risultato – proseguono – è frutto di un percorso avviato da tutte le parti componenti la Contesa del Secchio quali  Ente Contesa, amministrazione comunale, delegazioni foranee e contrade storiche –  e che è andato a compimento con l’ultimo tassello rappresentato dalla Contrada San Martino. Sono state apportate alcune modifiche allo statuto che consentono di raccordare tutte la parti recuperando quello spirito di collaborazione che è sempre stato alla base dell’organizzazione delle Manifestazioni Storiche. L’incontro decisivo si è svolto ieri sera e si è concluso con la sottoscrizione dello statuto modificato della Contrada San Martino, che dovrà essere registrato per la sua effettiva validità di legge entro il 20 aprile”.

“Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato per il raggiungimento di un così importante risultato – dice il presidente dell’Ente Contesa, Alessandra Gramigna – e ringrazio in particolare  le contrade storiche e le delegazioni foranee che hanno saputo affrontare questo momento di difficoltà con pazienza e lungimiranza dal punto di vista temporale, fiduciose sull’ottenimento del risultato che tutti noi auspicavamo. Obiettivo principale era centrare tutta la riforma statutaria e siamo arrivati a definire la questione; ora è nel futuro possiamo concentrarci esclusivamente sull’organizzazione reale della manifestazioni. Un ringraziamento particolare al Consiglio di presidenza dell’Ente che ha saputo, nel suo ruolo, svolgere un’attività costante di raccordo tra tutte le parti superando questioni che avrebbero potuto rappresentare degli ostacoli che poco hanno a che vedere con l’organizzazione generale e con il bene della Contesa del Secchio. Atteggiamento questo non scontato questo, visto il tenore ed il perdurare dello scontro. Questo storico risultato è dedicato dall’Ente Contesa al suo presidente Antonio Gramigna cui la storia consegna l’indiscusso merito di aver saputo affrontare e vivere il periodo più difficile dello scontro che la Contesa abbia ricordato, senza mollare mai. Un periodo che  comunque oggi possiamo catalogare come fruttuoso, avendo evidenziato i problemi ed i limiti che l’organizzazione della Contesa del Secchio aveva a seguito di strumenti regolamentari obsoleto provenienti dagli anni ’90, indicandoci quale fosse la strada per superarli. Un ulteriore ringraziamento personale va alla collaboratrice Rossella Nasini che ha saputo guardare sempre e soltanto al bene della Contesa”.

Particolarmente soddisfatta per il risultato raggiunto è la rappresentante dell’amministrazione comunale, Manola Perticarini, che ha seguito la questione in quanto espressamente delegata dal sindaco alla gestione delle Manifestazioni Storiche. “Ho seguito la problematica prima di tutto con il cuore – dichiara a margine dell’incontro – spendendoci tempo ed energie, per il bene della nostra Comunità. Ho cercato di mediare nei limiti del possibile, nella convinzione che non fosse accettabile che il nostra Città fosse divisa sulle manifestazioni storiche che ci identificano e ci rappresentano. Non è stato semplice, ma ho fatto del mio meglio per poter dare un contributo alla soluzione della questione e mi sento di dedicare questo risultato ai quattro storici capitani della castella Giovanni Perticarini (mio padre), Zanetto Agolini, Alberto Iacopini, Camillo Fratalocchi ed al fondatore della Contesa professor Alessandro Piani oltre che all’indimenticato ed indimenticabile  presidente Antonio Gramigna. Ora guardiamo avanti con la consapevolezza di avere tanto lavoro da fare, ma anche con la certezza che il peso del lavoro che ci aspetta  sarà minore perché sarà affrontato come una vera e grande squadra”.

“Ringrazio la consigliera delegata Manola Perticarini per il lavoro svolto per la chiusura dell’accordo – dice il sindaco, Alessio Terrenzi – abbiamo concordato la linea da tenere, con l’unico obiettivo di fare il bene della Città ed abbiamo ottenuto un risultato che definirei epocale: non posso che esserne soddisfatto. Ringrazio l’Ente Contesa, tutte le Contrade e le Delegazioni perché per raggiungere un accordo ognuno ha dovuto fare la propria parte. Ringrazio Stefano Rogani che, appena ha assunto il proprio ruolo all’interno della Contrada San Martino si è immediatamente relazionato con me e si è messo al lavoro con spirito collaborativo, organizzando anche una bellissima sfilata. Questo risultato non poteva arrivare in un momento migliore, alla vigilia dell’investitura di domani che sarà affrontata, ne sono certo, con spirito diverso da quello che avrebbe potuto essere se l’accordo non si fosse raggiunto. Sarà un piacere tornare ad assistere a La Città Medioevo con tutte le Delegazioni e le Contrade e credo che questo accordo sia solo un punto di ripartenza per la manifestazione più antica delle Marche. Ci siamo fatti carico di un delicato lavoro di tessitura per ricucire i rapporti deteriorati da ormai troppo tempo, per recuperare una situazione che, in alcuni momenti, ha creato un danno d’immagine per la Città. Nell’assegnazione delle deleghe assessorili ho tenuto per me quella alle Manifestazioni Storiche e, anche alla luce del risultato, credo di aver scelto bene a fianco a me l’unica persona che poteva dare un contributo fondamentale nel ricucire i rapporti. Dico l’unica perché ha vissuto la situazione pensando al padre che è stato un capitano di Castella e la soluzione della problematica l’ha vista in una maniera diversa da come avrebbe potuto fare chiunque altro, con una diversa sensibilità. Credo di poter dire che si tratta di un altro grande risultato raggiunto da questa Amministrazione Comunale, ennesimo segno di come non si possa andare avanti percorrendo la strada dello scontro ma come si debba lavorare in sinergia e attuando la massima collaborazione in ogni settore. Siamo sempre stati un’Amministrazione che aggrega che unisce e, con la collaborazione di tutti, si è ottenuto un grande risultato. Ho vissuto personalmente, insieme anche all’allora presidente Antonio Gramigna, momenti di grande tensione ed ora è giusto godersi il clima positivo che si è venuto a creare con il raggiungimento dell’accordo. Questo è il bene della città tutta”.

Riproduzione Riservata