6 aprile 2018

Imu: abbassamento ai minimi a chi affitterà a canoni concordati. Misura per abbassare gli affitti e favorire il ripopolamento del centro storico della città capoluogo

pubblicato in Senza categoria |

fermoFERMO – “Un passo importante di riduzione sostanziale dell’imu su varie abitazioni. Chi affitterà specie in alcuni settori come il centro storico con il rispetto dei canoni concordati andrà a vedersi un abbassamento sostanzialmente ai minimi dell’imu sull’appartamento. Cerchiamo con questo di agevolare l’abbassamento degli affitti e il ripopolamento del centro storico: il Comune metterà la sua parte con questo abbassamento dell’Imu con tutti i vantaggi di legge che l’adesione ai contratti in deroga può portare”. Queste le parole del sindaco Paolo Calcinaro sull’azione portata avanti dall’amministrazione comunale di Fermo con l’abbassamento dell’Imu.

“Un’azione – spiegano all’ente locale – che prevede l’aliquota ridotta dello 0,7 % rispetto ad un’aliquota ordinaria dell’1,06%, per favorire gli affitti a canone concordato, aliquota agevolata che è a favore sia dei proprietari residenti che dei proprietari non residenti. Per ottenere tale aliquota si richiede che il contratto contenga l’attestazione da parte di almeno un’associazione dei proprietari o degli inquilini firmataria degli accordi integrativi territoriali (sottoscritti la scorsa settimana al Comune di Fermo proprio dai rappresentanti delle due parti)”. “Sull’abbassamento dell’Imu – ha aggiunto l’assessore al bilancio Savino Febi  – l’amministrazione comunale ha sollecitato le categorie dei proprietari e degli inquilini per arrivare ad un accordo e favorire il canone concordato. Fermo ha spinto in questo senso per avere così un mercato disciplinato da linee guida precise”.

 

Riproduzione Riservata