12 marzo 2018

A Montefortino contributo integrativo di 40 mila euro dalla giunta regionale per il l progetto “ Capolavori Sibillini” in corso a Milano Fabrizio Cesetti: “ Un territorio che sta dimostrando efficacemente di saper impiegare gli strumenti più utili per la rinascita culturale ed economica.”

pubblicato in Cronaca, Cultura, Economia |

ANCONA – Uno stanziamento aggiuntivo  di circa 40 mila euro è stato assegnato al comune di Montefortino per sostenere alcuni costi straordinari (comunicazione, promozione realizzazione video e brochure)  quale  capofila della rete museale dei Sibillini per il progetto “ Le Marche e i luoghi della Bellezza – Capolavori Sibillini” , la mostra in corso fino al 30 giugno a Milano al Museo Diocesano. Lo ha deciso oggi la giunta regionale, nel corso della consueta seduta settimanale,  ad integrazione del precedente stanziamento di 120 mila euro.

“ Si tratta di un’ulteriore assegnazione di risorse che abbiamo deciso con una variazione compensativa, di comune accordo con l’assessore regionale alla Cultura, Moreno Pieroni – spiega l’assessore al Bilancio, Fabrizio Cesetti anche a conferma dell’attenzione della Regione  verso un territorio che sta dimostrando concretamente ed efficacemente di impiegare  tutti gli strumenti più utili per una vera e propria rinascita culturale, dopo le ferite subite dal sisma. La testimonianza che l’Arte e la Cultura sono un  veicolo eccezionale di promozione e di rilancio  anche economico viene dal successo di questa mostra a livello nazionale  che ha consentito di far scoprire ai tanti visitatori quali tesori conservi il nostro territorio.  Mi preme sottolineare anche la validità del metodo di lavoro a sistema tra comuni, gestito attraverso la rete museale,  per una promozione integrata dei Sibillini unendo le risorse e valorizzando una comune identità culturale con lo specifico obiettivo dello sviluppo produttivo, occupazionale e di coesione sociale.”

La rete museale , nata nel 2013, oggi conta otto comuni: Montefortino, Montefalcone Appennino, Smerillo, Monte Rinaldo, Montelparo, Montalto Marche, Loro Piceno e San Ginesio  tra le Ppovince di Fermo , Ascoli Piceno  e Macerata con la finalità di promuovere in modo congiunto il patrimonio storico, artistico e ambientale. La rete comprende diverse tipologie di musei , da quello artistico all’archelogico al naturalistico-scientifico.   La mostra al Museo Diocesano di Milano – dove lo scorso 12 febbraio si è tenuto anche l’evento Fuori Bit alla presenza di molti giornalisti della stampa specializzata e di tour operator internazionali – è la prima tappa di un percorso di valorizzazione che si snoderà durante tutto il 2018 con l’organizzazione di numerosi altri eventi, conferenze e presentazioni sull’offerta turistico-culturale delle Marche sia presso lo stesso Museo che in alte prestigiose sedi del capoluogo lombardo.

Riproduzione Riservata