20 dicembre 2017

Cappello: bilancio positivo del settore che registra un aumento nel periodo gennaio – settembre 2017

pubblicato in Cronaca, Economia |

museo del cappello montapponeMONTAPPONE – “Il comparto del  Cappello nel periodo gennaio-settembre 2017 presenta, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, nel suo complesso un aumento sia delle esportazioni che delle importazioni”,. Questo quanto afferma Paolo Marzialetti presidente nazionale del settore Cappello vice presidente Federazione nazionale Tessili Vari. “I Cappelli di paglia prosegue-  registrano un calo delle importazioni di -23% in valore. Le esportazioni ammontano a 17 milioni di euro, con una diminuzione del 2,4%. I Berretti evidenziano un aumento delle esportazioni del 17,8% e delle importazioni (+8,1%). Il paese maggior fornitore è di gran lunga la Cina con 41 milioni di euro,(+11,3%) pari al 48% del totale importato. Le esportazioni principali in Germania (15 milioni di euro, +12%), Francia (14 milioni di euro, +4,6%), Regno Unito (9,6 milioni di euro, +20,6%), Svizzera (8,5 milioni di euro, + 144,6%), Stati Uniti (7,9 milioni di euro, -7,5,%), Spagna (5,9 milioni di euro, +16,1%) Russia (4,9, milioni di euro +68%), Paesi Bassi (3,8 milioni di euro, +40%), Austria (3,7 milioni di euro, +20%), Giappone (3,4 milioni di euro, -19,1%).” La realtà della produzione del Fermano ha numeri alti a livello internazionale. “Circa il 70% del valore in termini di aziende, addetti e fatturato – evidenzia Marzialetti – spetta al nostro Distretto del Cappello Fermano (Montappone, Massa Fermana, Monte Vidon Corrado, Falerone) – Maceratese (Mogliano, Loro Piceno, Sant’Angelo in Pontano)” il cui core-business e` comunque rappresentato dai soli comuni di Montappone e Massa Fermana, dove risiedono oltre l’80% delle aziende del Distretto e circa il 50% di quelle su scala nazionale. Vale a dire: DISTRETTO DEL CAPPELLO FERMANO  – MACERATESE

IMPRESE 100 circa (compreso l’indotto)

ADDETTI 1650 circa (compreso l’indotto)

FATTURATO 100 milioni di Euro circa (compreso l’indotto)

EXPORT 75 milioni di Euro circa (compreso l’indotto)”.

 SETTORE CAPPELLO SU SCALA NAZIONALE

Gennaio – Settembre 2017

 IMPRESE 145 -3,3%

ADDETTI 2350 -2,1%

FATTURATO 158 +1,3%

 IMPORT 86 +8,1%

EXPORT 106 +17,8%

 Valori in milioni di Euro – Fonte: Stime Federazione Italiana Industriali dei TessiliVari e del Cappello su dati ISTAT. Stime comparate con dati del sistema TA nel suo complesso. L’occasione per fare un bilancio del settore è avvenuta anche dopo la “questione Borsalino”.

“Alla luce della sentenza di fallimento della Borsalino – dice tra l’altro Marzialetti –  da parte del Tribunale di Alessandria, dopo il secondo respingimento della richiesta di Concordato Preventivo, esprimiamo profonda amarezza per l’ennesima vicenda societaria di uno dei marchi italiani piu` noti al mondo, il piu` importante e conosciuto sicuramente per quanto riguarda il Comparto del Cappello Italiano a livello Europeo e Mondiale.

Riproduzione Riservata