20 aprile 2017

Risparmio energetico: a Fermo Palazzo Comunale e palestre con illuminazione a led

pubblicato in Iniziative, Interventi |

FERMO – Prosegue l’azione dell’Amministrazione Comunale di Fermo nella direzione del risparmio energetico. Oltre alla pubblica illuminazione, infatti, sono previsti interventi di sostituzione dei vecchi corpi illuminanti con lampade a Led anche per gli edifici del patrimonio comunale. Nella giornata di ieri è iniziata la sostituzione all’interno della Palestra Coni dei corpi illuminanti esistenti con i nuovi.

Un’operazione che riguarderà i corpi illuminanti interni (in totale saranno circa 300) anche del Palazzo Comunale di Via Mazzini, delle palestre di Via Leti e di Capodarco e dell’autoparco. “Si tratta di un intervento che a regime comporterà un risparmio sui consumi di energia elettrica di ben il 50% – ha detto l’assessore ai lavori pubblici Ingrid Luciani – in quanto le sostituzioni vengono effettuate in quegli edifici pubblici che notoriamente registrano un maggior assorbimento di energia. Un’azione nel rispetto dell’ambiente, che riduce i costi, che favorisce il risparmio energetico e anche quello strutturale, in quanto comporterà altri investimenti in questo ambito. L’efficientamento degli impianti di illuminazione è compreso nel Piano delle Opere Pubbliche ed è stato fatto in due stralci, di cui questo è il primo per un importo di 92 mila euro. Il secondo, per cui sono in corso le procedure di gara, ammonta invece a 70 mila euro”.

Questo intervento è in linea con quanto avverrà, come già noto, sull’illuminazione pubblica in tutta Fermo. Dal centro alla periferia, infatti, grazie alla convenzione Consip che si è aggiudicata, l’Associazione di Imprese Citelum S.A. provvederà a partire dal mese di luglio a sostituire i 7 mila corpi illuminanti pubblici dell’intera città con un’illuminazione a led. Un progetto che farà risparmiare anche in termini di costi e che porterà la città ad un adeguamento e ad un ammodernamento in grado di poter contrastare l’inquinamento luminoso.

Riproduzione Riservata