8 ottobre 2013

Il Fermano si apre all’europa con il progetto Comenius Cottas

pubblicato in Iniziative, Provincia Fermana |

FERMO – Sono state ricevute in Provincia circa 30 persone tra docenti e presidi provenienti da Germania, Austria, Islanda e Norvegia.

La visita, che rientra nel progetto europeo Comenius CoTTas (Developing a Culture of Teacher Training at School), ha l’obiettivo di qualificare gli insegnati attraverso lo scambio di esperienze e strategie di gestione della conoscenza tra scuole europee, incluso il confronto con i diversi sistemi di istruzione nazionali.

A far parte del progetto nel territorio fermano gli studenti del liceo scientifico T.Calzecchi Onesti, che saranno i destinatari delle strategie didattiche da attivare per promuovere e sollecitare una maggiore capacità di astrazione passando attraverso l’esperienza interiorizzata del singolo alunno; i docenti infatti riceveranno una specifica formazione sulle difficoltà di apprendimento (D.S.A.) con lo sviluppo di strategie e metodologie ad hoc, fino alla creazione di moduli didattici per la riorganizzazione delle varie fasi di costruzione del sapere.

Ad acoogliere presidi e docenti stranieri, il presidente della provincia di Fermo Fabrizio Cesetti, “Oggi più che mai l’interculturalità rappresenta un elemento cruciale, sia all’interno delle scuole, sia nel rapporto con altri partners comunitari e non solo. Quello che viene ospitato nel nostro territorio è il penultimo appuntamento del Progetto Comenius CoTTas, che precede l’atto conclusivo in programma nella prossima primavera a Vienna”.

Per gli ospiti stranieri, che resteranno nel fermano fino a giovedì 10 ottobre, ci sarà anche l’occasione di visitare le città di Fermo ed Ascoli e di conoscere, attraverso il tour degli outlet, anche il distretto calzaturiero.

Donatella Lappa

Riproduzione Riservata

I commenti sono chiusi.