26 settembre 2011

Fermana spuntata, 0-0 contro la Monturanese dopo uno sterile assedio

pubblicato in Sport |

FERMO – La Fermana non va oltre lo 0-0 contro la Monturanese sul neutro “San Claudio” di Campiglione (Recchioni indisponibile forse per un altro mese per il rifacimento del manto erboso). Altri due punti persi dopo il pari interno col Fabriano che non fanno perdere contatto con la vetta solo perché anche la Maceratese pareggia (sebbene fuori casa). La Fermana però è stata sorpassata dal Tolentino (a cui i canarini andranno a far visita domenica prossima) vincente a Belvedere, e dal Grottammare che in casa ha battuto Fabriano. I gialloblù hanno regalato il primo tempo agli avversari, mettendosi a giocare con intensità solo nella ripresa, ma anche quando lo ha fatto hanno evidenziato le lacune già note (circolazione di palla troppo lenta e mancanza di un uomo d’area veloce a liberarsi dalle marcature e che giochi di testa). Nonostante ciò il tecnico Scarafoni ha visto un passo avanti nel gioco quando, nel finale, con un ampio uso delle fasce laterali per le continue incursioni di Mariani da destra, di De Reggi e Paris dalla sinistra, la Fermana ha posto un autentico assedio alla porta della Monturanese, risultato però sterile per la bravura dei biancazzurri che, con la sapiente regia di Contigiani, hanno chiuso bene tutti gli spazi, raddoppiando e triplicando velocemente le marcature, con al centro dell’area un super Di Salvatore e tra i pali un ancora reattivo 47enne Grilli a cui vanno fatti solo i complimenti. Scarafoni propone sempre il 3-4-3 con in attacco di nuovo Fabiani dal 1′ (come a Montecchio) in sostituzione di Fusco, ma l’ex Sangiustese ed Elpidiense, reduce da uno stop di un anno causa infortunio, è ancora appannato e dall’inizio della ripresa viene sostituito da Bagalini, più esperto e che da maggiore continuità alla manovra della Fermana. Anche se all’inizio della partita la Fermana si fa viva con Bettini (gol annullato dopo 5′ per fuorigioco), con Paris all’11′ e al 30′, le azioni più pericolose sono degli ospiti che in contropiede con Cerbone fanno venire i brividi ai canarini, salvati dalla traversa prima e poi dal portiere Cionini, parso sempre vigile e reattivo. Il finale di primo tempo è di nuovo della Fermana con Bettini (al 38′ di testa su cross di De Reggi e poi al 48′ su cross di Fabiani e assist sporco di Paris). Nel secondo tempo con l’ingresso di Bagalini e forse uno spontaneo arretramento degli avversari, la gara si trasforma in un assedio a forte Apache, ma i numerosi cross gettati in mezzo trovano sempre la selva di difensori avversari prima di arrivare all’isolato Bettini che, dopo aver protestato per una trattenuta in area, solo al 28′ riesce a trovare lo spazio con Grilli battuto sul secondo palo, ma non la precisione (il diagonale va fuori di poco). Al 36′ l’occasione più limpida con Paris che finta il cross, poi invece spara sottorete sul portiere colto di sorpresa che non blocca, la sfera attraversa tutto lo specchio ma sul secondo palo Parlato è anticipato di un soffio da un difensore. Nel finale nemmeno le solite punizioni di Paris (ad un certo punto beccato dal pubblico che lo vorrebbe vedere sempre al massimo), sebbene insidiose, e il piazzamento dello spilungone difensore Pantera al centro dell’area, riescono a mettere in pericolo Grilli. Domenica a Tolentino esordio dell’esperto Cudini che, con un passato in serie A e B, alzerà di sicuro la qualità della squadra. La società continua nella ricerca della punta centrale dopo che Cavaliere e Scapini avrebbero rifiutato di scendere di categoria (ll primo dalla serie D e il secondo, comprensibilmente, avendo 28 anni e militando in serie B nell’Hellas Verona).

FERMANA: Cionini, Lazzerini, Gagliardi, Brizzi, Del Tongo, De Reggi, Mariani, Parlato (36′ st Pantera), Fabiani (1′ st. Bagalini), Bettini, Paris. A disp: Poli, Caroti, Casino, Carrozza, Facciaroni. All. Scarafoni.

MONTURANESE: Grilli, Spaccapaniccia, Marcantoni, Rossi (26′ st. Pierantozzi), Di Salvatore, Squarcia, Cerbone, Cozzi, Biagioli (25′ st. Simonella), Contigiani, Raffaeli (32′ st. Rondina). A disp: Cattolica, Marinangeli, G. Mariani, Cuccù. All.re Cuccù.

ARBITRO: Didu di Jesi. (ass.: Sclavi e Illuminati di Macerata)

NOTE: Ammoniti: Lazzerini e Spaccapaniccia. Angoli: 5-3. Osservato 1′ di silenzio per commemorare i tre militari caduti in Afganisthan. Spettatori 600 circa con presenza ospite. Terreno di gioco in buone condizioni. Recupero: 0’+ 3’.

 

Riproduzione Riservata